Wednesday, November 22, 2006

shake shake shake!




Un giorno prenderò una padella e sdeng la sbatterò in testa a Firenze. Poi starò lì a vedere se cambia almeno pettinatura.
Ci sono un paio di persone che passeggiano saltuariamente per questa città con una padella in mano. Di quelle col doppio fondo, che non attaccano. Perché non si sa mai quando è l’ora di un colpo ben assestato. Quanto a me, il freddo mi spedisce dritta dritta nel mondo delle tisane e dei manicaretti, con grande entusiasmo.
Firenze è. Fin troppo facile. Completare la frase, intendo.
Il giochino di oggi è il decalogo delle cose belle di questa città. Perché, diamine, devono essercene almeno dieci. In ordine sparso, non pretendiamo oltre.
Uno l’arco di San Pierino e la cioccolata alla cannella di Vestri.
Due i gradini della chiesa di Sant’Ambrogio.
Tre la giostrina di Piazza Leopoldo con le tartarughe ninja.
Quattro poter andare a piedi ovunque, anche se il ritorno è in salita.
Cinque la stazione Leopolda, in quanto luogo.
Sei la ERG, quella all’imbocco della FiPiLi.
Sette la cucina del Giova, Borgo La Croce, se riuscite fatevi seguire da Grazia.
Otto i colori che fa il tramonto dopo la pioggia, visto da oltrarno.
Nove e a proposito di oltrarno, ecco. Oltrarno.
Dieci Aqualung, residenza sottopasso stazione, l’unico punto fermo in dieci anni di vita in questa città.

Per il resto, il fermento si avverte sulla pelle.
Il 30 inizia il meraviglioso festival della creatività alla fortezza, il programma è chiaro: piccolo autoerotismo del comune di Firenze. Apprezziamo comunque lo sforzo per far sembrare questa città piena di stimoli all’occhio forestiero e dancedancedancetothemtv e anche forse alla comunità delle giacche-a-costine-più-sciarpina-in-seta-grezza e perché no anche a quella delle mi-dedico-alla-cultura-perché-sono-fiorentina-quindi-nobile-sempre-e-comunque-e-anche-perché-forse-fa-bene-alla-pelle. Ovviamente verificherò in che misura mi sto sbagliando. E se.
La povera stazione Leopolda intanto è stata scambiata per un hangar espositivo e addobbata a festa. Si paga per entrare, ma se ci metti un sovrappiù ti danno addirittura due assaggini di cioccolata. Prego ammirare lo stupendo allestimento della Casa di Babbo Natale. Ah, in questo caso temo che non verificherò in che misura mi sto sbagliando. Ho dei limiti anche io.
La Flog ha l’affanno ma le basta fare un’altra seratina universitaria con musica qualsiasi, alzare di un altro euro il prezzo delle bevute, rimpicciolire ancora i bicchieri. I proprietari di appartamenti insegnano che lo studente è secondo solo al turista in quanto a uova d’oro. Poi ogni tanto si svegliano e fanno, chessò, gli Arab Strap, inseriti a tradimento nella serata conclusiva del Rock Contest. Nel senso: la manifestazione non se la viene a vedere nessuno a parte parenti e amici? Bene, vi facciamo i dispetti. Consigliato piazzarsi sulle spalle del fonico a gambe penzoloni, dicono sia l’unico posto da cui c'è un'acustica decente.

Uff rieccoci, non ho resistito di nuovo.
Va bene. Prometto che nel prossimo post su Firenze segnalerò almeno tre eventi, festival, concerti, posti, qualsiasicosa che accadrà prossimamente e in cui io riponga almeno un pochino di fiducia.
Che ce l’ho, mica no, infatti questa settimana parte l’esplorazione nuoviposticini.
Quelli che fanno le cose per la gloria.

Labels: ,

10 Comments:

Anonymous Anonymous said...

Scrunch scrunch scrunch...

è il rumore che fanno da tre giorni i miei denti sulle dita per impedirmi di aggiungere parole. Apprezza lo sforzo. Apprezzalo.. :)

Tip

2:08 PM  
Blogger chia said...

scrunch è anche il rumore che farebbe guybrush threepwood (ma era così?) se si mangiasse le unghie..

e anche il rumore di quando mangio i cheerios.

dentro firenze c'è un palazzone dentro il palazzone c'è una casetta dentro la casetta c'è una libreria dentro la libreria ci sono una pila di carta e dei colori che ti aspettano

è per questo, confessa, che ti stai sforzando!

:)

3:40 PM  
Anonymous Anonymous said...

Tanaliberatutti

;)

Tip

5:07 PM  
Blogger Antonio said...

E il Wabi?

11:27 AM  
Anonymous disorder said...

E' un peccato però darsi ai posticini piccoli, quando il festival della creatività propone ospiti innovativi come PGR, Cerami e le immancabili Stazioni Lunari :)

3:05 PM  
Blogger chia said...

il wabi è fuori concorso!

ors..ehm..insomma tu. l'evento stazioni lunari del fdc rappresenta più o meno tutto quello che odio del concetto di femminile. non male. ;)

4:51 PM  
Blogger Antonio said...

PGR? Cerami?
E non mi avete detto nulla?
[...]

Grazie, siete veramente degli amici!! :D

9:35 AM  
Blogger chia said...

Se vuoi ti ci metto il carico e ti dico che gira voce ci sarà anche Sakamoto
hihi

10:58 AM  
Blogger Antonio said...

Esigo anche un concerto di Sergio Cammeriere, a 'sto punto.

5:31 PM  
Blogger dvdblfr said...

hai abbandonato il tuo blog?

6:56 PM  

Post a Comment

<< Home

eXTReMe Tracker